Giovanni Rosati: “In linea con i programmi prima dello stop”

Il periodo di stop delle attività sportive può servire senz’altro come momento di riflessione e analisi di quanto è stato prodotto dall’inizio della stagione. In casa Unipomezia, si volge l’attenzione al settore giovanile che, sotto la guida attenta del responsabile Giovanni Rosati, ha ottenuto fin qui le proprie soddisfazioni, come il ds ci racconta: “Complessivamente abbiamo rispettato le tabelle di marcia. Siamo in linea con i programmi avendo formato gruppi omogenei costituiti da grandi lavoratori prima di tutto, i ragazzi sono sempre stati presenti e i vari allenatori sono riusciti a plasmare ottime squadre. Il fiore all’occhiello è senza dubbio la classe 2005 di mister Lo Russo, che a mio parere potrebbe già affrontare i Regionali con grandi risultati. Un plauso particolare lo merita anche l’Under 16 di Gangemi, che prima dello stop era reduce da diversi risultati positivi. Una squadra che stentava a trovare continuità in trasferta mentre in casa si era rivelata schiacciasassi. Qualche difficoltà l’abbiamo riscontrata con la 17 con i ragazzi che venivano da una stagione strepitosa, ma alla fine ci siamo rimessi in carreggiata ed anche in questo caso siamo in linea con i programmi. In generale, sono soddisfatto di tutte le nostre categorie. Sinceramente adesso sono abbastanza preoccupato di come si possa riprendere. Sono sicuro che i ragazzi si siano adoperati anche a casa seguendo le schede del nostro preparatore Giacomo D’Alessando e dei mister, ma soprattutto per alcuni, essendo in un età particolare, magari dopo i primi giorni il lavoro potrebbe essere diminuito, anche se a livello atletico non servirà molto per rimettersi in sesto. Siamo rimasti comunque in contatto con tutti e nel caso di Gangemi il mister ha ideato anche un gioco in videochiamata con dei premi, appunto per stimolarli. Mi auguro che possiamo tornare alla normalità il prima possibile e in ogni caso, come società, ricominceremo soltanto quando i rischi saranno pari a zero. Abbiamo deciso di sospendere tutte le attività già dopo le prime avvisaglie e continueremo a perseguire questa linea. L’incolumità e la salute dei nostri tesserati viene prima di tutto”.

CONDIVIDI

POST CORRELATI