Giovanni Rosati dà i voti alla stagione dell’Unipomezia

Conclusa ufficialmente la stagione 2019/20 è tempo di tirare le somme. In casa Unipomezia a fare il bilancio in chiave giovanili è il direttore sportivo Giovanni Rosati, che prima di dare un voto complessivo e a tutte le categorie rossoblù, si sofferma sulla decisione della Lega e sulla possibile ripartenza. Parola a lui. “Già da diverse settimane ero convinto che la stagione doveva essere conclusa definitivamente. Ci è voluto un po’ di tempo per avere la comunicazione ufficiale ma mi trovo pienamente d’accordo con quanto stabilito dalla Federazione. Per quanto riguarda invece la ripartenza, come ho detto anche in altre circostanze, sono chiaramente preoccupato. Soprattutto perché finché non avremo delle linee guida precise su come doverci muovere a livello di sicurezza sanitaria non potremo fare nulla. In questi giorni ci stiamo comunque muovendo per ripulire e sanificare il nostro impianto, ma per ripartire a fare calcio a livello di squadra credo che ci vorrà ancora diverso tempo. Detto ciò. Mi auguro che ci vengano trasmesse al più presto le coordinate per poterlo fare e se questo dovesse accadere in tempi relativamente brevi dico già che la mia idea sarebbe quella di ripartire dal primo luglio. Ma ripeto, i rischi per i ragazzi dovranno essere pari a zero, su questo non devono esserci dubbi”. Passando poi ad analizzare l’ultima stagione delle giovanili dell’Unipomezia il direttore afferma: “A livello comportamentale, di gestione dei gruppi e di disciplina, do un bel dieci e lode a tutti. Questi erano gli aspetti che premevano di più alla società. Passando invece in rassegna ciascuna categoria, partendo dai 2006 di mister Pompei gli do un nove pieno. Erano al loro primo anno di agonistica chiudendo al terzo posto, una bella rivelazione. Merita senza dubbio un dieci l’Under 15 di mister Lo Russo, era seconda con una gara in meno e sono sicuro che avrebbe potuto giocarsi il campionato fino alla fine. Passando ai 2004 gli do un sette, il gruppo di Davide Gangemi ha avuto diverse difficoltà in trasferta mentre in casa ha macinato punti e risultati anche roboanti. Il mister si è confermato una garanzia e di livello superiore. Abbiamo compiuto una bella rimonta con l’Under 17 della coppia Cianfrocca e Intelligenza nonostante i problemi dell’inizio che mi avevano portato anche al cambio della guida tecnica. È stata una bella sorpresa l’Under 19, un gruppo totalmente nuovo ma mister Maiocchetti è stato bravo ad amalgamarlo. Purtroppo ci è mancato spesso un giocatore fondamentale come Ionescu che teniamo in grande considerazione anche in ottica prima squadra. Complessivamente do un 8 alla nostra stagione”.

CONDIVIDI

POST CORRELATI