Fabrizio Guitaldi: “A Borgo Podgora non sarà semplice”

È il momento più importante della stagione dell’Unipomezia, che sta lottando con il Ceprano per la vetta del Girone C degli Allievi Regionali. Domenica la formazione di Guitaldi sarà impegnata nella delicata trasferta con il Borgo Podgora: “Sappiamo che sarà difficile. Conosco l’ambiente e il loro tecnico, molto preparato e scrupoloso. Sarà sicuramente una gara tosta anche perché loro in casa hanno sempre ottenuto grandi risultati ed espresso un buon calcio. Ci stiamo preparando bene anche se abbiamo parecchi problemi. Infatti la vittoria con l’Atletico Fiumicino è stata tanto netta quanto sfortunata. Abbiamo avuti infortuni e squalificati, in settimana si è fermato anche un altro giocatore e quindi è probabile che avremo quattro, cinque assenze importanti. Questo non vuol essere un alibi anche perché i miei ragazzi sanno cosa fare indipendente da chi scende in campo. Abbiamo lavorato tutto l’anno con la consapevolezza che la differenza la fa la squadra e non il singolo, con il Borgo Podgora dovrà essere così. Sono fiducioso che i miei ragazzi risponderanno presenti”. La distanza dalla capolista Ceprano è di 6 punti. Non pochi ma nel calcio tutto è possibile: “Loro sono una grande squadra ma in casa hanno un rendimento ben diverso rispetto a quello in trasferta. In queste ultime giornate avranno due gare esterne consecutive e potrebbe essere il momento buono per accorciare le distanze. Poi nel calcio non si può mai sapere, ma noi ci crediamo e saremmo degli sprovveduti a non farlo. Continuiamo a lavorare con la consapevolezza di aver finora disputato un ottimo campionato. Non bisogna dimenticare da dove siamo partiti e in quest’ottica anche il secondo posto acquista grande valore. Poi è ovvio che se riuscissimo a vincere sarebbe la classica ciliegina su una torta già estremamente dolce. Se cosi non dovesse essere faremo i complimenti ai nostri avversari, consapevoli di aver fatto il massimo. Questi ragazzi hanno lavorato tanto, sono cresciuti molto e non posso non essere soddisfatto di quello che stanno facendo”.

CONDIVIDI

POST CORRELATI