Delgado: “I miei gol? Merito di compagni, staff e club”

Protagonista indiscusso della vittoria fantascientifica conquistata dall’Unipomezia ad Artena. Roberto Afonso Delgado ha stupito tutti, realizzando 4 reti, di cui tre su punizione, e trascinando i rossoblu verso un successo importante. Capita raramente che un giocatore riesca a realizzare un poker nella stessa partita, ma in casa Unipomezia c’è un attaccante che può fregiarsi di questo record. Emanuele Morelli, ai tempi della Vis Artena, decise con quattro gol il match contro il Rocca di Papa Nemi, mettendo in mostra tutto il suo strapotere offensivo. Tornando al presente, protagonista di giornata è stato senza dubbio Delgado che commenta così la gara di Artena: “Dopo due sconfitte in tre partite era fondamentale tornare alla vittoria, per ripartire con entusiasmo e lavorare con più calma. Successi come questo sono importanti per il morale”. Oltre alla quadripletta fanno notizia i tre gol messi a segni su calcio di punizione: “È stata la partita che tutti gli attaccanti vorrebbero giocare. Ogni volta che mettevo la palla a terra per calciare mi immaginavo di essere ancora sullo 0-0 e imprimevo nel calcio tutta la mia voglia di segnare”. 7 gol in 2 partite per Delgado, che da quando si è sbloccato ha preso un ritmo pazzesco: “Fisicamente mi sentivo già in forma, ma a causa della sfortuna non ero riuscito ancora a segnare. Diciamo che era destino che queste reti arrivassero tutte insieme”. Per concludere il bomber spagnolo ha delle dediche importanti da fare: “Ci tengo a dedicare questa prestazione ai miei figlio Leonardo e Lorenzo. Ai miei compagni, allo staff tecnico e alla società perché senza di loro non sarebbe possibile esprimersi a questi livelli. Per ultimo una dedica speciale al prof che nella scorsa settimana è stato colpito da un lutto e che nonostante questo non ci ha mai lasciato da soli, aiutandoci in ogni allenamento. Grazie”.

CONDIVIDI

POST CORRELATI