Davide Gangemi saluta l’Under 16: la lettera del mister

Mister Davide Gangemi e l’Unipomezia separano le proprie strade. Un addio, o forse un arrivederci doloroso per entrambe le parti ma inevitabile per motivi extra calcistici. Un biennio trascorso in rossoblù nel quale Gangemi ha ottenuto ottimi risultati sia con il gruppo 2003, sfiorando la vittoria del campionato, sia con i 2004. Segue la lettera del mister.

“A volte si prospettano scenari di vita che mai avresti immaginato e voluto. Sono arrivato a Pomezia, due anni fa, in punta di piedi, gettando in quel campo professionalità e passione che mi hanno regalato emozioni indescrivibili, Unipomezia è stata la mia casa. Ho vissuto momenti indimenticabili con il gruppo 2003, con cui abbiamo sfiorato la vittoria in campionato, e il gruppo 2004 quest’anno, con vittorie di spessore, soprattutto in casa dove non abbiamo concesso nulla. Ragazzi straordinari che si sono messi a disposizione sin da subito e con cui ho instaurato un rapporto amichevole e di forte empatia. Mai avrei voluto vivere questo momento, non ero pronto, forse non lo sono mai stato, questi colori mi scorrono nelle vene, come ossigeno di emozioni. Non è solo un gioco, il calcio è come la vita, in cui devi fare scelte e andare avanti, accettare gli eventi in sofferenza e voltare pagina. Purtroppo esigenze lavorative e familiari mi obbligano a dover abbandonare questa società in modo doloroso, una decisione sofferta! Un cordone che non avrei mai spezzato, un ambiente unico, persone speciali, all’Uni tutto è speciale… Un ringraziamento particolare e affettivo va al direttore Rosati, che mi ha voluto fortemente due anni fa, con cui ho instaurato un rapporto di stima e correttezza che va al di del calcio giocato. Ringrazio i mister che fanno parte dell’organico Unipomezia che mi hanno sempre mostrato disponibilità e amicizia, i preparatori, i magazzinieri. Un ringraziamento particolare a Barbara, sempre disponibile e pronta a risolvere ogni problematica, ai dirigenti Battisti, Clemente, Romano e Di Vito con cui ho vissuto lo spogliatoio. Le urla dei tifosi che riempivano il Maniscalco, saranno impresse nella mia mente e riecheggeranno ogni qualvolta sarò in solitudine. Al presidente Valle auguro di cuore di poter arrivare a quei successi che desidera e che merita. Qui lascio il cuore, sperando di riprenderlo un domani. Spero di aver lasciato un piccolo segno nel cuore di chi mi ha conosciuto, di chi ho allenato, dei genitori. La sera mi addormento con le lacrime agli occhi, sperando un giorno di riabbracciarvi tutti e rivivere le emozioni che solo i colori dell’Unipomezia mi hanno trasmesso. Vi porterò sempre nel mio cuore”.

Mister Gangemi Davide

CONDIVIDI

POST CORRELATI