Andrea Casciotti non fa scelte: “Il nostro obiettivo è la serie D”

Un impegno dopo l’altro, un avversario dopo l’altro. L’Unipomezia non conosce soste sulla strada che porta alla Serie D. L’obiettivo del club continua ad essere alla portata dei rossoblù che mercoledì scorso hanno eliminato, con una prova di grande compattezza, il Real Giulianova in Coppa Italia. Il prossimo avversario sarà la Vigor Trani, con gara d’andata in terra pugliese. Una primo turno di semifinale da giocare con accortezza e al 100%, per non avere recriminazioni. Ci sarà tempo però prima di organizzare la campagna di Puglia, nel frattempo all’orizzonte c’è la sfida interna contro la Lepanto, team che lotta per non retrocedere. Un impegno da prendere con la dovuta cautela, ma necessariamente da vincere per continuare a rimanere vicino alla zona di classifica che conta. Lo sa bene l’MVP della sfida del Rubens Fadini Andrea Casciotti, il difensore che ha murato l’avanzata abruzzese ed ha difeso i colori rossoblù “Abbiamo centrato un traguardo storico e questo è stato anche sottolineato dalla stampa specializzata. Siamo orgogliosi di quanto abbiamo raggiunto, ma senza dubbio non vogliamo fermarci qui. Sarà un periodo complicato perché avremo tante gare ravvicinate tra Coppa e campionato e quindi dovremo dare sempre il 100% in ogni partita, pensando ad un impegno per volta. Adesso ci sarà la Lepanto, poi la semifinale di andata, quindi il nostro primo pensiero deve essere quello di vincere domenica per continuare a rimanere in alto in classifica. Io sono convinto che fino alla fine saremo in corsa su tutti e due i fronti. Guardando anche il calendario delle avversarie penso che possiamo ancora rosicchiare qualche punto. Guardando la situazione attuale la strada più percorribile per il salto di categoria sembrerebbe quella della Coppa, ma noi non possiamo e non dobbiamo scegliere. L’importante è stare sempre sul pezzo. Domenica affronteremo un avversario che ci metterà in difficoltà con le sue caratteristiche. All’andata anche per un po’ di sfortuna siamo usciti dal campo sconfitti, adesso non vogliamo sbagliare”.

CONDIVIDI

POST CORRELATI